Archivio articoli di Daniele Grattieri
  • Camo presenta la nuova linea di abbigliamento per casinò

    Camo è un giovane brand biellese che non manca di presentare linee interessanti, come  l’autunno/inverno 2012-2013 dedicata al gioco d’azzardo. La location ideale dove vestire Camo è una fumosa sala in un casinò degli anni ’30, ambiente ispirato alla Stangata. Con giacche e cappelli del genere ci si aspetta solo di veder spuntare Paul Newman…

    Di , scritto il 02 Marzo 2012
    Altro in: Abbigliamento, Uomo
  • Nonostante la crisi, Armani lancia la moda super lusso

    Anche nel campo della moda, come prevedibile, è arrivato il vento della crisi economica mondiale. Nel 2008, secondo il bilancio pre-consuntivo, il fatturato della moda in Italia chiuderà con una flessione del 3,1%. A pagare soprattutto il tessile, giù del 6,5%, mentre il vestiario ha sostanzialmente tenuto (-0,7%). Indubbiamente c’è stato anche un altro fattore…

    Di , scritto il 27 Gennaio 2009
  • Mason’s sfida la crisi

    Innovazione, ricerca materia e trattamenti. Sono questi i capisaldi su cui basa il proprio successo la collezione bimbo di Mason’s, azienda di Avenza Carrara (MS) che attraverso una produzione concentrata per il 65% sul pantalone, (anche se lo sviluppo dell’abbigliamento dalla vita in su, articolata tra camiceria, giubbotteria e maglieria sta crescendo in maniera significativa),…

    Di , scritto il 23 Gennaio 2009
  • Vespa: oltre il marchio, uno stile

    Tutti conosciamo la storia e il successo, dello scooter che ha messo in moto l’Italia e ha messo le “ali sotto ai piedi” agli italiani come recita una famosa canzone di Cesare Cremonini. Oggi pero’ Vespa non e’ piu’ solo un marchio legato ad un mezzo di trasporto, e’ diventato una vera e propria linea di…

    Di , scritto il 19 Giugno 2007
    Altro in: Abbigliamento

1 9 10 11
Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009