Cuticole: come eliminarle e non farle più ricrescere

Di , scritto il 23 Giugno 2021
Cuticole

Le cuticole, chiamate comunemente “pellicine”, sono ispessimenti della cute presenti sulla radice delle unghie. Crescono alla base della superficie ungueale come elemento di protezione dell’area di crescita dell’unghia. Generalmente restano aderenti alle unghie ma possono anche sollevarsi e ispessirsi rendendo decisamente antiestetiche le nostre dita. Se non correttamente gestite o eliminate in modo inopportuno, le pellicine possono creare delle fastidiose e dolorose ferite, che potrebbero dare origine a infezioni.

Ecco gli step da seguire per eliminarle al meglio:

  • Mettere in ammollo le mani: riempire una ciotola con dell’acqua tiepida, aggiungere un cucchiaio di olio di mandorle (o anche d’oliva) e il succo di mezzo limone. Quest’ultimo è un ottimo “rimedio della nonna” per sbiancare le unghie macchiate e anche per renderle più forti. Immergere le punte delle dita per cinque minuti, lasciando ammorbidire le pellicine.
  • Applicare un olio per cuticole massaggiandole accuratamente. Questo trattamento le ammorbidirà maggiormente rendendo più facile la loro eliminazione.
  • Spingere indietro le cuticole con un bastoncino di legno d’arancio modellandole fino a renderle meno visibili. In alternativa, se le pellicine sono più resistenti, potrete utilizzare un apposito spingi-cuticole in acciaio. Fare attenzione a non esercitare un’eccessiva pressione altrimenti rischiate di irritare la pelle che circonda l’unghia o, ancora peggio, di provocare sanguinamenti sui bordi.
  • Risciacquare e asciugare: per concludere il trattamento, risciacquare le mani con acqua tiepida per sgrassate l’olio dalle unghie ed eliminare ogni residuo, quindi asciugatele con un panno morbido.

Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009