I cosmetici di Kiko Make Up Milano

Di , scritto il 21 Ottobre 2009

KikoDonne comuni, non personaggi irraggiungibili. È questo il simbolo di Kiko. La sua mission è costituita dalla libertà di ogni donna di decidere del proprio aspetto in base all’età, alla carnagione e al tipo di pelle e ciò è garantito dall’ampia scelta di prodotti.

Si tratta di un marchio italiano da anni affermato nel settore del beauty; nato nel 1997, affonda le proprie radici nel contesto milanese, capitale del mondo della moda e del design.

Offre una linea di make up professionale e trattamenti skin care dalle formule efficaci e sicure, dedicate a donne di tutte le età, attente alle mode come alla bellezza e alla salute della propria pelle: dalle collezioni stagionali di tendenza per le più giovani a prodotti specifici per le più adulte.

Kiko Make Up propone una straordinaria varietà di colori e texture per fondotinta compatti, in polvere ed in crema, correttori, fard, ciprie, mascara, ombretti, matite, gloss, rossetti, smalti; inoltre accessori tra i quali pennelli, temperini, spugnette e applicatori. La linea Skin Care propone poi prodotti per detergere, idratare e purificare ed inoltre una linea lifting per il viso.

Il brand è presente in Italia, Spagna e Germania con una catena di negozi monomarca e mira ad una presenza capillare in ogni regione d’Italia e nelle principali città europee.

Le formulazioni cosmetiche di Kiko sono di qualità e realizzate con materie prime selezionate. Per quanto riguarda la sperimentazione, non vengono effettuati test sugli animali come previsto dalla relativa normativa europea; tale garanzia non riguarda solo i prodotti finiti ma anche le materie prime utilizzate.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009