Puoi imitare lo stile di Ruzwana Bashir su Yoox.com

Di , scritto il 20 Novembre 2014

Ruzwana BashirNella sezione Insiders del portale Yoox si trovano interviste e servizi su personaggi del mondo del business e dell’hi-tech, che raccontano un po’ della loro vita professionale e delle scelte in fatto di stile. L’ultima arrivata è Ruzwana Bashir, la giovane e splendida imprenditrice britannica che ha fondato e dirige Peek.com, l’agenzia di viaggi con sede a San Francisco.

Nell’esclusiva intervista rilasciata al famoso portale racconta un po’ della sua “filosofia di stile”. Le piacciono i colori allegri e le stoffe stampate, ma il taglio dei capi deve essere piuttosto classico e sobrio, magari ravvivato da un unico accessorio sgargiante. Riservando una particolare attenzione al suo forse unico problema: o non eccessivi centimetri di altezza. Per questo opta per gli abiti che sottolineano il punto vita.

Questi i suoi marchi preferiti: Prabal Gurung, Chloé, Jonathan Saunders, Nicholas Kirkwood, Peter Pilotto, Etro e Moschino – non sempre scelti per un total look, ma anche abbinati tra loro. Per le calzature, i brand preferiti sono Manolo Blahnik, Jimmy Choo e Christian Louboutin. Tutti articoli comprati volentieri anche online, avendo acquisito con gli anni una certa dimestichezza con le taglie reali.

Nessuna particolare donna o attrice da imitare come icona di stile, ma piuttosto la ricerca di una personalità propria, che talvolta si ispira ad altri, ma soltanto per riceverne degli spunti. Gli outfit per il lavoro sono molto attenti al dress-code più consono a un determinato ambiente e possono spaziare dal tailleur, ai tubini, alle gonne a ruota e perfino arrivare alla minigonna, ma non eccessivamente corta.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009