L’Italia si specchia: in mostra 150 anni di moda alla Venaria Reale

Di , scritto il 16 Novembre 2010

Lo scorso venerdì presso Palazzo delle Stelline a Milano si è svolta la conferenza stampa dell’evento “Esperienza Italia 150”: si tratta di una serie di mostre organizzate per celebrare i 150 anni dall’Unità d’Italia presso alcuni luoghi storici di Torino e attinenti vari temi tra i quali l’arte, l’innovazione tecnologica made in Italy, l’artigianato e la moda.

Proprio di quest’ultimo ambito voglio parlarvi oggi. La mostra, dal titolo “L’Italia si specchia”, è realizzata a cura di Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia, e di Gabriella Pescucci, celebre e pluri-premiata costumista per teatro e cinema. Quest’ultima ha presentato la mostra come un viaggio nella storia dell’alta moda e dello stile italiano dall’Unità ad oggi; è divisa in due sezioni, una dedicata ai primi cento anni di storia del costume all’interno del periodo in oggetto, e l’altra dedicata agli ultimi cinquanta, dei quali si occuperà la Sozzani.

Il nucleo principale dell’esposizione è costituito dagli abiti della prestigiosa collezione Tirelli; per l’ultimo cinquantennio, a essi si aggiungono abiti realizzati dai principali stilisti italiani contemporanei.

La mostra sarà visitabile dal 10 luglio all’11 dicembre 2011 presso la Reggia della Venaria, poco fuori Torino.

2 commenti su “L’Italia si specchia: in mostra 150 anni di moda alla Venaria Reale”
  1. […] nel modo che mi sarei aspettata. Forse pochi lo sanno ma la Sozzani è co-curatrice di una spendida mostra organizzata a Torino per i 150 anni dell’Unità d’Italia, che ripercorre la storia del […]

  2. […] “L’Italia si specchia” (10 luglio-11 dicembre 2011), mostra di storia del costume e moda italiane di cui abbiamo ampiamente parlato qui. […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009