Mango lancia un servizio via tablet per i punti vendita

Di , scritto il 13 Settembre 2012

Mango è il marchio di abbigliamento spagnolo pioniere nel settore online: ha creato il suo primo sito web corporate nel 1995 e nel 2000 ha messo a disposizione degli utenti il suo primo negozio online. In questi giorni lancia sul mercato un nuovo servizio dedicato ai punti vendita, che mette in comunicazione online e offline. Ma vediamo di cosa si tratta.

Pensato per chi non trova un capo in catalogo nel negozio della propria città, oppure non trova quel particolare colore o quella taglia, il nuovo servizio via tablet offre una comoda soluzione. Nei punti vendita Mango attraverso i tablet a disposizione dei clienti è possibile selezionare il capo desiderato, magari non disponibile in quel particolare punto vendita in quel momento, e ricevere la merce direttamente a casa.

Un vero e proprio shop online, con la differenza che si fa in negozio: con la comodità di poter provare il modello scelto in altri colori per capire quale taglia ordinare e poi richiederlo online con le caratteristiche richieste. Insomma, ecommerce con la comodità di capi in prova, camerino e commesse.

Il nuovo servizio, disponibile in oltre 500 negozi tra Spagna, Francia, Germania, Portogallo, Austria, Belgio, Irlanda, Italia, Olanda, Polonia, Turchia, Gran Bretagna e USA è semplice da usare: l’operazione e il pagamento si effettuano nel negozio e il cliente può ricevere l’ordine nel punto vendita o presso il suo domicilio, con tempi di consegna variabili a seconda del paese. In più la spedizione è gratuita al negozio e al domicilio a partire da un minimo di spesa e c’è la possibilità di rendere i capi in qualsiasi negozio Mango o per posta.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009