Colli in maglia: le proposte di Pimkie

Di , scritto il 11 Novembre 2014

colli in magliaI colli in maglia, anche conosciuti come scaldacollo, sono un must per l’inverno 2015. Questi scaldacollo di lana sono dei veri atout per il guardaroba, poiché consentono di tenere calde le zone più sensibili come collo, gola e spalle rendendo trendy anche il top o la camicia più anonimi. Per chi sa lavorare ai ferri, non è difficile costruire punto su punto uno di questi colli-coprispalle o sciarpa ad anello da avviluppare varie volte. Ma per chi non ha tempo né abilità, sul sito Pimkie esistono decine di modelli diversi a prezzi veramente contenuti, in vari colori e modelli. Ecco i nostri preferiti, che potrete trovare digitando nella casella di ricerca le parole “collo a maglia”:

Il primo che vi consigliamo è un collo in maglia spessa, a effetto molto “hand-made” disponibile nei colori bordeaux, blu elettrico, bianco ghiaccio e nero. Il secondo è un anello di maglia molto alto in cui si trovano tre grossi strati nei colori nero, grigio, verde anice – splendido mix cromatico per ravvivare un total look nero. Lo stesso modello è disponibile anche nella combinazione dei colori mattone, blu marino e verde chiné. Niente male anche il collo in maglia spessa “mouliné” bianca e nera, che per certi versi ricorda un po’ una keffiah: ha le frange ai bordi e deve essere avvolto per due giri. Frange e doppio giro anche per un modello simile, ma in maglia più grossa nei colori rosso e bianco. Infine, davvero particolare, quello che su Pimkie viene chiamato un “collo bimateriale” composto da un abbinamento di una sciarpa in maglia traforata color blu notte e di una maglia tricoté marrone e blu – anche questo da avvolgere per due giri.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009