Isabel Marant è il nuovo nome per la nuova collaborazione di H&M

Di , scritto il 11 Giugno 2013

isabel-marant-anja-rubik-x-25-nownessOrmai è un appuntamento fisso. Ogni primavera e ogni autunno, più o meno verso novembre, c’è grande attesa per il lancio della nuova capsule collection di H&M con i grandi nomi della moda internazionale. Poi il successo che ne deriva non sempre rispecchia il prestigio della maison in questione, ma questo è un altro discorso: lì subentra la necessità di far rientrare capi e accessori entro prezzi limitati (ma che spesso risultano comunque troppo alti per quel che si compra) e così si va a intaccare la qualità spesso scarsa.

Ma per tanti flop ci sono state anche eccezioni. Non tanto per il successo globale che hanno avuto tra i compratori, ma alcune di queste capsule a mio parere sono state carine e hanno avuto più senso di altre. Ho apprezzato ad esempio Matthew Williamson per le stampe coloratissime e i prezzi effettivamente abbordabili: nessuna fila dalla sera prima e niente braccialetti di priorità, l’unico ostacolo al mio acquisto di un bikini optical sono state alcune giunoniche turiste del nord Europa, ma che per fortuna e per evidenti motivi cercavano taglie differenti dalla mia.

Ma oggi voglio darvi la notizia della nuova collaborazione per il colosso svedese della moda low cost. Si tratta di Isabel Marant e la collezione comprenderà abiti e accessori per uomo e donna, disponibili a novembre 2013 in 250 negozi in tutto il mondo. Ancora non sono disponibili anteprime sui capi ma cerchiamo di essere fiduciosi. Speriamo di vedere una collezione caratterizzata da eleganza e comfort, seppur in versione cheap, magari evitando anche le “rivoluzionarie” sneakers con zeppa.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009