La pelle torna a essere grande protagonista nella moda

Di , scritto il 10 Marzo 2015

pelle abiti modaLe tendenze del fashion dicono che la pelle è da rivalutare e che con il colore bisogna osare. Nelle ultime sfilate abbiamo visto il cuoio declinato in moltissimi modi: liscio, pulito, essenziale oppure ricercato, vissuto, alternativo, usato. Mai come quest’anno gli stilisti di ogni generazione hanno dato spazio alla pelle in passerella. Una buona notizia per l’Italia, che può mostrare l’altissima qualità delle sue concerie e la bravura degli artigiani nella lavorazione. Nel mondo la conceria italiana è considerata leader sia sotto l’aspetto stilistico che sotto quello qualitativo. Alla rassegna internazionale Lineapelle, cui hanno partecipato alla fine di febbraio 1400 aziende provenienti da 40 paesi, le parole chiave di quest’anno sono innovazione e impegno ambientale; oggi come oggi l’industria conciaria mira a produrre solo recuperando la pelle animale grezza proveniente dagli scarti della macellazione. Anche sotto il profilo della responsabilità ambientale e della sostenibilità l’Italia brilla nel mondo.

Per la moda estate 2016 la pelle sarà impiegata con una palette di colori che toccano tutti i toni dell’arcobaleno, soprattutto quella destinata a borse, calzature e cinture. Tra le nuance preferite per le collezioni dell’anno prossimo, sicuramente il rosso declinato in mille sfumature: vermiglio, amaranto, porpora, fuoco. Comunque sempre il colore della passione e della luce che accende. Molti anche i colori pastello, con note di verde, azzurro, glicine e cipria. Tante anche le proposte di pelle morbidissima intrecciata oppure lucidissima, con effetto acqua o carta stagnola.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009