Tessuti: quali evitare per la pelle dei bambini

Di , scritto il 08 Ottobre 2020
tessuti

Scegliere il pigiama bambino giusto o una tutina richiede una buona dose di attenzione per evitare di incappare in situazioni che possono diventare davvero spiacevoli come dermatiti e arrossamenti.

La buona notizia è che basta un po’ di attenzione per scongiurare i problemi che i tessuti possono causare sulle pelli sensibili come quelle dei bambini.

L’importanza dei tessuti

I bambini crescono in fretta e a volte, presi dal desiderio di risparmiare per vestitini che useranno una sola stagione o più semplicemente dalla mancanza di informazioni, si scelgono capi economici ma con poche garanzie riguardo alla loro realizzazione.

Sebbene si possa ritenere che i capi per bambini disponibili sul mercato siano prodotti sicuri, capita più spesso di quanto immaginiamo di mettere a contatto il piccolo con sostanze pericolose.

Altroconsumo, un’associazione di consumatori indipendente, ha voluto sottoporre a test di laboratorio 10 pigiamini scoprendo che 3 contenevano sostanze tossiche: ftalati che possono interagire negativamente con lo sviluppo anche sessuale del bambino, e un colorante cancerogeno.

Tipi di tessuto

Iniziamo parlando dei tipi di tessuti presenti sul mercato e destinati ai bambini. Per la stagione calda sarebbero da preferire pigiamini, body e magliette in cotone o lino.

Il lino è da sempre un prezioso alleato per la salute della pelle di grandi e piccoli: infatti, la sua struttura risulta leggera e ariosa lasciando la pelle libera di respirare in modo naturale.

Per il cotone, invece, è necessaria una distinzione. Esistono in commercio almeno due tipi di cotone ideali per la pelle del bambino, quello puro e quello biologico.

Se leggete sull’etichetta la dicitura cotone puro significa che avete tra le mani un pigiama bambino, per esempio, realizzato interamente in cotone.

Se invece avete a che fare con una maglietta in cotone biologico, state per acquistare un prodotto realizzato con un cotone non trattato con sostanze tossiche per la sua coltivazione. È un tessuto più resistente, traspirante e con totale assenza di tracce di pesticidi o altre sostanze nocive che possono irritare l’epidermide del bimbo.

Quando nei mesi invernali la temperatura scende è bene utilizzare capi in seta e lana. Questi tessuti hanno la capacità di rimanere delicati sulla pelle e trattenere la temperatura corporea aiutando il piccolo a restare al caldo.

Un tessuto che ha fatto la sua comparsa nel secondo dopoguerra e che è eccezionale per l’epidermide dei bambini è la fibra del latte; ottenuta da un processo di lavorazione della caseina, la fibra di latte risulta leggera, traspirante e nutriente.

Oltre che per gli indumenti questi tessuti dovrebbero essere utilizzati anche per le copertine.

Cosa evitare

Vediamo ora i tessuti che sono da evitare a diretto contatto con la pelle dei bambini. In generale tutti i tessuti sintetici sono da bandire. Le loro fibre resistenti e molto fitte impediscono alla pelle di traspirare creando un ambiente umido e caldo che di frequente causa dermatiti e irritazioni.

Anche per quanto riguarda i colori dei tessuti bisogna porre attenzione: i colori molto carichi o molto scuri (come il blu e il nero), contengono dosi molto elevate di coloranti che non sempre sono atossici.

L’ideale è scegliere capi in tessuti naturali e dai colori tenui.

Per la struttura del capo poi, sopratutto se si tratta di una tutina o di un pigiama bambino, è bene valutare la presenza di cerniere, bottoni e fibbie. Sebbene siano molto comode per vestire e svestire bambini molto piccoli, hanno diversi svantaggi: i materiali in cui sono realizzate potrebbero contenere leghe in grado di produrre irritazioni e possono risultare fastidiose per il piccolo oltre che causare graffi e abrasioni.

Mascherine in pronta consegna


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009