Gioielli Fantasia: mostra di bijoux a Torino

Di , scritto il 04 Gennaio 2011

Aperta al pubblico già da più di un mese, a Torino è in chiusura una splendida mostra dedicata ai bijoux. Si chiama “Gioielli Fantasia da una collezione torinese” ed è allestita nella Sala del Senato presso Palazzo Madama. L’esposizione, a cura di Enrica Pagella (direttore di Palazzo Madama), comprende circa cinquecento esemplari di gioielli provenienti dalla collezione di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo.

La visita vi porterà a conoscere pezzi realizzati negli Stati Uniti tra gli anni Trenta e gli anni Settanta, con alcuni esemplari più recenti: collane, spille, orecchini e bracciali. La storia del gioiello non prezioso inizialmente era legata alla copia di monili autentici e solo successivamente, dagli anni Venti, si è passati a considerarli come complemento delle creazioni di alta moda.

Negli Stati Uniti nasce un vero e proprio settore produttivo con centinaia di manifatture e decine di ideatori. Con la Depressione del decennio 1929-39 le ristrettezze economiche determinano una minore diffusione degli oggetti di lusso, a favore di materiali non preziosi.

La mostra presenta esemplari eseguiti dai più importanti designer come Marcel Boucher, De Rosa, Eisenberg, Miriam Haskell e molti altri e illustra materiali di grande impatto visivo come la bachelite, la lucite, i cristalli, il rodio e tecniche come la smaltatura.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editoriale. Chiuderà il 23 gennaio; dunque se siete interessati a visitarla, affrettatevi! Gli orari di apertura sono i seguenti: martedì-sabato 10-18, domenica 10-20, chiuso il lunedì. Il prezzo dell’ingresso è di € 7.50, ridotto € 6.00 e gratuito per ragazzi fino a 18 anni.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009