Acconciature uomo: come nascondere i capelli bianchi

Di , scritto il 01 Giugno 2022
capelli bianchi

I 40 anni sono di solito l’età critica in cui cominciano a fare la comparsa i fili bianchi nella capigliatura.

Un fenomeno del tutto fisiologico per via della riduzione della produzione di melanina, il pigmento che conferisce il colore ai capelli.

A seconda della predisposizione genetica il fenomeno può variare anche molto di intensità, ma in media a 50 anni la maggior parte degli individui si ritrova con una testa “sale e pepe”.

Molte donne, specie ultimamente, dopo vari anni in cui si sono affidate a mèches, tinture e altre forme di copertura, stanno optando per una capigliatura dal colore naturale, evitando però che i capelli grigi le invecchino mediante un’estrema attenzione alla cura del taglio e della messa in piega.

Per gli uomini il discorso è tutto sommato analogo: i capelli brizzolati possono avere un loro fascino e in alcuni casi possono addirittura rendere più fascinosi i lineamenti di chi li porta (George Clooney docet), ma se la canizie arriva quando si è decisamente troppo giovani e aggiunge anni indebitamente all’aspetto della persona, allora è legittimo pensare a qualche trattamento per mascherare o nascondere i capelli bianchi.

Quali soluzioni esistono?

Il rimedio più ovvio è la tintura professionale classica, da affidare a un barbiere che la sappia applicare con tutte le precauzioni del caso per evitare di macchiare anche la cute del viso e del collo. Questo tipo di colorazione del capello presenta l’inconveniente della ricrescita visibile nel giro di qualche settimana, a cui si può ovviare temporaneamente ad esempio con dei ritocchi spray per la ricrescita, da applicare come una specie di shampoo secco. Gli stessi spray in realtà sono anche ideali per fare delle prove sul risultato ottenibile prima di procedere alla tintura vera e propria.

È però anche possibile optare per delle formule meno drastiche, delle tinture semipermanenti che “scaricano” nel giro di un mese, in genere dopo una ventina di shampoo. Meglio scegliere dei prodotti contenenti sostanze protettive per i capelli come la vitamina E e l’aloe vera.

Un’altra soluzione interessante è l’uso di shampoo o lozioni coloranti a effetto graduale che riducono il grigiore della capigliatura a ogni utilizzo. In questo modo il cambiamento è progressivo e attira meno l’attenzione. Questo tipo di prodotto deve essere usato con regolarità in un primo periodo e sospeso una volta ottenuto il colore desiderato, per poi applicarlo nuovamente una volta la settimana o più per il mantenimento del risultato. Un grande classico di questo genere, che esiste da decenni è il famoso Grecian, che può essere usato per riportare con gradualità i capelli a un colore naturale, ma anche lasciando un po’ di grigio, ad esempio sulle tempie.

Un’ultima interessante proposta più recente ma già molto apprezzata è l’uso di Blackgel, una linea proposta dall’azienda italiana Maeko, composta di gel, cere e shampoo per capelli brizzolati. Il gel, in particolare è molto semplice da usare per mascherare i capelli grigi e funge al tempo stesso come modellante. Privo di alcol, ravviva il colore dei capelli grigi oltre a proteggerli, lucidarli e definirne meglio la linea. Tutto questo permette di ottenere un effetto naturale, senza residui e unto, senza sporcare le mani e con la possibilità di essere totalmente eliminato al primo lavaggio.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloStyle.it – Guida al mondo della moda e delle tendenze supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009